2011
Label: Manzanilla Musica Dischi - Manzanilla09 • Format: CD Album • Country: Italy • Genre: Folk, World, & Country •
Download Ho Prugne Nella Testa - Ancher - Verdelegno

Un treno a vapore che parte e porta in sentieri naturali, tra arpeggi acustici, riverberi lontani, lame elettriche, calde viole, tintinii e cristalli, malinconici canti di balena, punte d'ottone, liquide armonie, morbidi prati all'ombra. Dove la natura e i maglioni a collo alto la fanno da padrona. Sensazioni e colori trasformati in musica. Il tutto produce un delicato contenitore di suoni e soluzioni che si discostano dalle produzioni convenzionali. Un affascinante esempio di cantautorato made in Italy, che fornisce un contatto non solo immaginario con il paesaggio.

Riccardo Rapezzi data: MUSICZOOM - Ancher: "Verdelegno" Manzanilla, Dentro uno splendido artwork realizzato totalmente in legno di pino austriaco, confezione artigianale, marchiato a fuoco sul fronte e ad inchiostro sul retro a rendere unica ogni copia, si cela il debutto della band dei veronesi Giulio Deboni, Tobia Poltronieri e Zeno Baldi.

Sorprendente Gianpaolo Cristofaro data: Musicalmente raffinato dai tratti post rock, Verdelegno, offre una trama sonica variegata, a tratti elaborata, con spunti interessanti e originali.

Gli incastri melodici indovinati sottolineano un apparato testuale in linea con le sfumature naturaliste e incantate delle musiche. Paolo Pavone data: Un raggio di sole che vi arriva sul viso. Silenzio tutto Ho Prugne Nella Testa - Ancher - Verdelegno . Ecco, ora potete ascoltare Verdelegno, album di debutto degli Ancher.

Il viaggio inizia strumentale, non lontano da quei lidi post rock che la band cita come influenze primarie. Il Nord Europa ha fatto parte della vita dei tre ragazzi e si sente dalle melodie. Troppo asettica. Un brusco risveglio. Amanda Sirtori data: Pop levigato con cura, ricco di spazi e sospensioni addolcite da cori e arrangiamenti finemente acustici.

E soprattutto, cantato in italiano. Insomma, meglio le colline veronesi che i boschi di Seattle? Partiamo proprio da questo orgoglio di bottega. Attitudine benemerita, meglio il tanto poi che il poco subito. I tempi Ho Prugne Nella Testa - Ancher - Verdelegno e i riferimenti alla natura ritornano spesso.

Rimane il problema metrico, ma non crediamo che certa musica si possa cantare solo in inglese. Abbiamo cercato di evitare modi costruiti di cantare, correndo forse il rischio di far sentire il nostro terribile accento veneto!

Maurizio Blatto data: Sono 10 traccedura 42 minutiandando contro la tendenza di scrivere pezzi fugaciti parlano lungo questo "Verdelegno" figlio di una voglia comunicare non indifferente.

Il tuttononostante la durata di tracce anche di minuti scivola via tranquillamente e suona perfetto como sottofondo di una qualsiasi serata oppure come intenso ascolto notturnoinsomma passa via senza dover mandare avanti o cambiare disco. Teo Filippo Cremonini data: Che disco!

Imbornione data: Ecco cosa ci hanno raccontato in una breve intervista via mail. Cosa significa il vostro nome, Ancher? Intanto ciao a tutti. Le atmosfere che creano sono incredibili. Siamo tutti e tre, a proprio modo, grandi amanti della natura e della montagna, ed era inevitabile che la nostra musica ne sarebbe stata condizionata. Poi quando ci siamo rinchiusi in una piccola casa di montagna lessina, a mixare per una settimana, mentre fuori nevicava e noi caricavamo la legna nel camino, dal nulla abbiamo trovato il titolo del nostro album.

E anche il packaging poteva essere solo quello. Un normalissimo jewel-case di plastica non sarebbe centrato minimamente con tutto il concept. Era proprio quello che avevamo in mente!

Come si svolge per voi una fase di composizione ed arrangiamento dei brani? Siamo nati come trio post-rock strumentale, due chitarre elettriche e batteria. Quando i brani spesso nascevano da semplici temini musicali su cui lavoravamo poi nella ritmica e nei crescendi. Solo che poco dopo ci siamo accorti che ci stavamo autolimitando e che la formula dava poco spazio alla Ho Prugne Nella Testa - Ancher - Verdelegno The Convent Of Sin - Pungent Stench - Masters Of Moral - Servants Of Sin (Vinyl, Album) volevamo portare avanti.

Quindi abbiamo provato ad ampliare i nostri orizzonti con le voci, le armonie vocali e gli strumenti acustici. Come mai avete scelto di pubblicare il disco in una confezione artigianale di legno di pino austriaco, marchiato a mano e prodotto manualmente da voi?

Come nasce un vostro testo? Da cosa traete ispirazione? I nostri testi sono spesso impressioni e giochi di parole che nascono da sensazioni legate alla natura, ai sogni, e ovviamente ai sentimenti amorosi!

Diciamo che comunque questi tre elementi spesso coincidono realmente nella nostra vita di tutti i giorni! Cerchiamo di non essere troppo meccanici con le parole, non vogliamo fare i cantautori, ma neanche i poppettari sole-cuore-amore. Quali sono i vostri ascolti musicali? Come tutti i musicisti abbiamo differenti e svariati ascolti musicali.

Sotto tutti i punti di vista: compositivo, arrangiamenti e soprattutto il sound. Aspettiamo con impazienza il loro nuovo album! Inoltre Ho Prugne Nella Testa - Ancher - Verdelegno direttamente tutta la parte grafica dei nostri lavori anche grazie ai nostri amici fotografi e registi.

In questo momento stiamo lavorando al nostro primo videoclip, sempre in maniera artigianale, utilizzando delle vecchie diapositive. Speriamo sia pronto a breve! Quindi abbiamo una grande voglia di proseguire col nostro percorso.

Salvatore Schinello data: Marcello Zinno data: Un bel disco, da ascoltare e da toccare, per sentire il contatto con la natura della musica sulle dita. Chiara Longo data: Gli Ancher sono Zeno Baldi, Giulio Deboni e Tobia Poltronieri, tre giovani musicisti che dopo cinque anni di esperienze musicali tra Italia ed Europa giungono qui al loro primo disco. Andrea Raimondo data: Il CD si apre con una intro che sembra una coda, un insieme di suoni apparentemente caotici, per un attimo sembra di ricordare qualcosa, ma poi no, mi sbaglio.

Un canto gregoriano, ripetitivo, gli arpeggi si ripetono simili, ogni tanto un trillo di campanelli, ma Плясовая - Various - Уральская Рябинушка ritmo, poca energia.

Non si distingue ma nemmeno fa ricordare qualcosa o mostra delle influenze. Maria Grazia Umbro data: Roberto Cannella data: Legno vero, eh, mica si fa per dire. Vanno affinati meglio i contorni. Francesco Casuscelli data: Logico che suonano nuovi da queste parti italiche, a orecchie foderate Im Taxi Weinen - Kettcar - Werkschau monocrazia di un certo suono.

Li vedrei bene al prossimo No Fest di Torino, giugnoper dire. Enrico Veronese data: Una formula ai limiti del jazz il crescendo orchestrale di Ho prugne nella testa che flirta con un tropicalismo easy Ferma Foglia e al tempo stesso abbozza qualche citazione cantautorale Ninna Nora su testi in italiano.

In altre parole, il disco funziona e per certi versi stupisce davvero anche grazie ad una strumentazione ricchissima che comprende banjo, theremin, flicorno, flauto, archipur faticando a creare qual senso di empatia che invece sarebbe legittimo attendersi. Fabrizio Zampighi data: Ma anche il contenuto non delude. Disco strano per il debuttante trio veronese, alle prese con un folk psichedelico Macho Macho (Sensible Boys Song) - Falco - Falco 3 e sperimentale, che ricorda i Sigur Ros e, negli impasti vocali, la lezione di Brian Wilson.

Avvolgente e rilassante come un paesaggio di natura incontaminata. I segnali erano incoraggianti, anche se l'ampio raggio di riferimenti dichiarato dava vita, di fatto, ad una gradevole seppur non originalissima forma di canzone imbastardita con il post rock. Alessandro Besselva Averame data: Alberi di un legno diverso, quasi innaturale. Gli Ancher con questo disco ci portano per mano Ho Prugne Nella Testa - Ancher - Verdelegno un mondo troppo poco vissuto dalla maggior parte degli esseri umani inghiottiti da contaminati centri urbani.

Dove Off Broadway - Ryan Adams - Easy Tiger vento che senti sul viso non viene da un climatizzatore.

Pochissimi o quasi inesistenti alterazioni dei suoni naturali sia per gli strumenti che per la voce per eliminare ogni tipo di filtro tra i componenti del gruppo, la natura che descrivono e noi.

Gli Ancher sono un Amboss-Polka - Hatzenfelder Musikanten - Ohrwürmer (Volksmusik) veronese al debutto con dieci tracce lavorate e registrate tra Verona, Venezia, Graz e Reykjavik, luoghi e paesaggi solo apparentemente lontani e dissimili, uniti invece dalla grazia e dalla melodia sprigionata in punta di piedi, con fattezze post rock ma con la radice ben salda alla tradizione folk.

Per quelli col cuore in viaggio, sempre. SAB Clicca e ascolta Manzanilla! Musiczoom recensione Vedelegno MUSICZOOM - Ancher: "Verdelegno" Manzanilla, Dentro uno splendido artwork realizzato totalmente in legno di pino austriaco, confezione artigianale, marchiato a fuoco sul fronte e ad inchiostro sul retro a rendere unica ogni copia, si cela il debutto della band dei veronesi Giulio Deboni, Tobia Poltronieri e Zeno Baldi.


Sitemap

Musste Ich Nicht Damit Rechnen - Milva - Unverkennbar, The Learning Tree - Saga - Generation 13, Second Love Theme - John Barry - Robin And Marian (Original Motion Picture Soundtrack), Various - Diwali